Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

News

Un grande successo per la finalissima del contest oom+

Pubblico delle grandi occasioni sabato sera al Teatro Sanbapolis di Trento, per assistere alla finalissima del Dance and Music Contest I Love 90s.

13 gennaio 2018

Centinaia di spettatori, 8 finalisti in gara, 2 presentatori d’eccezione e tanti ospiti. Sono questi i numeri della finalissima del Dance and Music Contest I love 90s di sabato 13 gennaio.
È stata una serata all’insegna del talento e ricca di sorprese, condotta dai famosi Andrea e Michele di Radio Deejay e con un saluto speciale che Rudy Zerbi, noto talent scout della TV, ha dedicato ai giovani.
Otto i finalisti – già selezionati dalla giuria tecnica tra i 150 partecipanti – che si sono esibiti live sul palco del teatro Sanbapolis, in altrettante performance. Una sfida artistica all’insegna della creatività, in cui i ragazzi hanno mostrato talento e una grande personalità, cimentandosi in reinterpretazioni di brani del repertorio musicale degli anni ’90, che hanno messo a dura prova la giuria.

I vincitori del “Premio più votato online” sono stati gli Hininga con 629 voti della giuria popolare, che hanno stregato il pubblico ballando sulle note di Black or White di Michael Jackson. La crew Hininga si é aggiudicata inoltre il "premio della giuria" che li ha scelti per l'ottima coreografia e l'originale interpretazione. Poi è stata la volta del premio "miglior coreografia" che la giuria ha assegnato a Pietro&Benu per la loro esibizione sulle note di Smell like teen spirits dei Nirvana. Infine, il “premio speciale Andrea&Michele di Radio Deejay” è stato assegnato a Maitea&Francesca che hanno cantato e suonato Losing my religion dei REM.

Molti gli ospiti ad alternarsi con le esibizioni dei giovani artisti come i vincitori delle passate edizioni e membri della giuria: Caterina Cropelli, vincitrice dell’edizione 2015 del contest che si è distinta come cantante a X-factor10, Tommaso Lapiana, vincitore con il gruppo Exercoma dell’edizione 2016. Entrambi, oltre a valutare le perfomance in gara, si sono esibiti sul palco riscuotendo il gradimento da parte del pubblico.
Un evento con molto seguito, che conferma il ruolo delle Casse Rurali Trentine quali banche differenti volte a sostenere i giovani e ricercare sempre nuovi modi per esaltare i talenti artistici locali e aiutarli a coltivare le loro passioni e la loro creatività.